Cosa Cucino Ricette di cucina per pranzi e cene di pasta, carne, pesce ma anche dolci, torte, dessert, antipasti e tanto altro!

Blog

Etichette: cominciamo dagli ingredienti

31-08-2014

Saper leggere l’etichetta è essenziale per fare una scelta consapevole e salutare. Potete infatti scegliere i prodotti alimentari che soddisfano di più le vostre necessità e il vostro gusto, fare una valutazione del rapporto/qualità prezzo rispetto ad altri alimenti della stessa categoria,  sapere se in essi  si annidano ingredienti che possono dare allergia o intolleranza.

 Cosa sono gli ingredienti?

Sono i prodotti alimentari (per esempio latte, farina, burro, olio, carne, ecc), le sostanze nutritive ricavate dagli alimenti stessi (come l’amido, la caseina, il glutine, le fibre, ecc.), gli aromi e gli additivi naturali o di sintesi, gli enzimi che sono stati utilizzati  per la fabbricazione e la preparazione di un determinato prodotto destinato alla nostra alimentazione. Gli ingredienti devono essere elencati in etichetta.

Non sono considerati ingredienti i coadiuvanti tecnologici (perché di solito, aggiunti nel corso del processo di produzione industriale, non si ritrovano nel prodotto finale), e i residui di pesticidi e di farmaci presenti, sebbene sotto la soglia di sicurezza, negli ingredienti vegetali o animali utilizzati. Queste sostanze, perciò, non devono essere riportate in etichetta.

In quale ordine gli ingredienti sono riportati in etichetta?

Gli ingredienti utilizzati sono elencati in ordine decrescente di peso. Ciò significa che il primo della lista è quello presente in maggiore quantità, l’ultimo in minore.

Ad esempio, nell’etichetta “frollino al cacao” sono elencati i seguenti ingredienti: farina di frumento, zucchero di canna, olio extravergine di oliva, cacao in polvere (5,1%), agenti lievitanti (carbonato acido di ammonio, carbonato acido di sodio), sale marino, aromi naturali.

Dunque, la farina di frumento è l’ingrediente presente in maggiore quantità, gli aromi naturali sono gli ingredienti presenti in minore quantità.

Vi potreste chiedere come mai solo per il cacao è indicata la quantità (5,1%, cioè 5.1 grammi per cento grammi di prodotto). La legge obbliga i produttori a indicare in etichetta la quantità degli ingredienti che sono citati nella denominazione di vendita del prodotto o che comunque lo caratterizzano (in questo caso, il cacao). Comunque il produttore può a sua discrezione indicare la percentuale anche di ingredienti non citati nella denominazione di vendita. Ciò avviene, di solito, per gli ingredienti di maggior pregio.
 

Cerca Ricetta

Cerca ricetta per:
Ingredienti    Titolo Ricetta    Descrizione Ricetta
Unisciti a noi su Facebook
Seguici su Twitter
Iscriviti alla newsletter